Manifesto

Il Laboratorio PATRIMONI PA net nasce nel 2010 dall’alleanza tra FPA e TEROTEC con la duplice finalità di promuovere sul campo:

  • la diffusione di una cultura e prassi manageriale del programmare e governare “eticamente” e “consapevolmente” i processi di esternalizzazione dei servizi rivolti ai patrimoni immobiliari, urbani e territoriali pubblici nell’ottica di una “partnership” tra enti pubblici (amministrazioni pubbliche centrali e locali ed enti di interesse pubblico) ed operatori privati (imprese di servizi integrati di Property, Facility & Energy Management, di Global Service, di costruzioni, di finanza e gestione immobiliare, ecc.);
  • la rappresentazione e la condivisione di istanze e problematiche irrisolte del mercato dei servizi settoriali nell’ottica di un superamento della “forbice” di approcci, comportamenti, interessi e rapporti tra operatori pubblici e operatori privati e di un corretto sviluppo dello stesso mercato “in qualità” e secondo “regole condivise”.

Rispetto a queste finalità, PATRIMONI PA net svolge un duplice ruolo:

  • di “motore di saperi“, in grado di attivare processi e strumenti innovativi di acquisizione, distribuzione e condivisione di un corredo comune di conoscenze specialistiche per la diffusione e il radicamento di una nuova cultura e prassi del management dei servizi per i patrimoni, così come di una “competitive intelligence” da parte delle committenze pubbliche e delle imprese private;
  • di “catalizzatore della partnership pubblico-privato“, in grado di attivare, indirizzare e presidiare tavoli permanenti di confronto e interfacciamento tra committenze pubbliche e imprese (a livello di singoli soggetti e di associazioni di rappresentanza) per favorire la discussione e la risoluzione dei nodi e dei problemi aperti del mercato, così come la condivisione di “best practice”, linee guida, standard e modelli di riferimento.

Tra le diverse iniziative in cui PATRIMONI PA net coinvolge attivamente gli enti pubblici, le imprese e le rispettive associazioni di rappresentanza, di certo il ruolo più significativo e strategico è assunto dai Tavoli di lavoro “Stazioni appaltanti/Imprese”.

Attivati già dal 2010 e concretamente orientati in un’ottica di “problem setting & solving”, i Tavoli di lavoro “Stazioni appaltanti/Imprese” di PATRIMONI PA net sono costituiti da qualificati rappresentanti del mondo delle PA, delle imprese e dell’università, guidati da una direzione tecnico-scientifica e da apposite strutture di coordinamento facenti capo a TEROTEC e a FPA.

In questo quadro, i diversi contributi prodotti in termini sia analitici che propositivi nei diversi cicli di attività sono finora confluiti in un set di strumenti messi all’attenzione e a disposizione di tutti gli stakeholder del mercato ed in particolare dei soggetti istituzionali preposti alla regolazione e alla normazione del mercato:

  • il Libro Verde e il Libro Bianco del mercato dei servizi per i patrimoni pubblici;
  • le Linee guida per la dematerializzazione dei processi di appalto;
  • le Linee guida per la progettazione dei servizi;
  • le Linee guida per l’applicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa;
  • il Manifesto delle imprese dei servizi per i patrimoni pubblici.

Questi importanti strumenti, che si pongono in una logica di coerente continuità e approfondimento rispetto al programma di lavoro intrapreso, rappresentano per PATRIMONI PA net una base di concreti e significativi risultati conseguiti e, al tempo stesso, una fondamentale piattaforma condivisa di propulsione per l’ulteriore sviluppo dell’attività dei Tavoli di lavoro “Stazioni appaltanti/Imprese”.

In questa direzione si pongono anche il “Forum Nazionale dei Patrimoni Pubblici” ed il “Premio Best Practice Patrimoni Pubblici“, due ulteriori importanti iniziative promosse da PATRIMONI PA net con l’obiettivo di segnalare e valorizzare annualmente le esperienze ed i progetti più innovativi sviluppati in partnership tra enti pubblici e imprese.