Linee guida appalti

Linee guida sulle gare d’appalto – Anno 2012

PATRIMONI PA net presenta due “Quaderni di lavoro” in cui sono stati raccolti e sistematizzati i contributi prodotti nel corso del secondo ciclo di attività del Laboratorio. I Quaderni contengono, infatti, le Linee guida sui due temi che, a partire dalla fine del 2011, sono stati oggetto di specifici Tavoli di lavoro “Committenze-Imprese”: la “Dematerializzazione dei processi di gara” e la “Qualificazione dei progetti di servizi”.

Le tematiche caratterizzanti i due Tavoli sono state sviluppate da appositi “gruppo di lavoro” costituito da qualificati rappresentanti di PA, imprese e università, sotto la direzione scientifica di Patrimoni PA net e con il coordinamento di tre soggetti-chiave del mercato: AVCP, l’Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici; ITACA, l’Istituto per l’innovazione e la Trasparenza degli Appalti – Associazione Federale delle Regioni e delle Province Autonome; TAIIS, il Tavolo Interassociativo delle Imprese dei Servizi.

Attraverso un’intensa attività articolata in sessioni ristrette di lavoro, workshop tematici plenari e think tank di approfondimento, la struttura di coordinamento dei Tavoli – avvalendosi della piattaforma on line di discussione e condivisione dei materiali – ha animato i lavori, indirizzato i contenuti del dibattito e curato la redazione degli output via via prodotti, che sono confluiti dapprima come anticipazione nel “Libro Bianco”, presentato nel maggio scorso, e ora come output finale nei presenti “Quaderni di lavoro”.

Scarica i Quaderni
QUADERNO DI LAVORO N.1/2012 – LINEE GUIDA DEMATERIALIZZAZIONE PROCESSI
QUADERNO DI LAVORO N.2/2012 – LINEE GUIDA PROGETTAZIONE SERVIZI

I Quaderni vengono messi a disposizione di tutti gli operatori pubblici e privati del mercato come importante strumento tecnico-divulgativo finalizzato a:

  • mettere a fattor comune e a disposizione delle PA e delle imprese operanti nel mercato il corredo condiviso di analisi, indirizzi e proposte scaturito dal lavoro del Tavolo;
  • diffondere tale corredo analitico e propositivo presso le stesse PA ed imprese per contribuire a migliorarne/razionalizzarne/innovarne i processi e le prassi gestionali adottati sul campo;
  • favorire la presentazione/segnalazione degli stessi contenuti propositivi ai soggetti pubblici istituzionalmente preposti a promuoverne/consentirne un possibile recepimento a livello legislativo e normativo nazionale e comunitario.