Codice Appalti, per le imprese è urgente dare stabilità al quadro normativo

Di Maurizio Gardini – www.agendadigitale.eu

“La necessità di apportare modifiche al Codice degli Appalti è tornata alla ribalta nel corso di un’audizione in Senato, dove associazioni di categoria ed esperti hanno spiegato le loro necessità e perplessità. In primis, emerge la necessità di leggi chiare che spieghino adeguatamente come muoversi nel mondo degli appalti. Le imprese in materia di appalti hanno l’esigenza di poter far riferimento a un quadro normativo stabile, che non sia sottoposto a continui cambiamenti. Questa urgenza è stata portata nuovamente all’attenzione del Governo nel corso dell’audizione sul Codice degli appalti che si è svolta in Senato mercoledì 13 febbraio. Esperti e associazioni di categoria hanno messo in evidenza che sono trascorsi tre anni dall’entrata in vigore del codice, ma molte sono ancora le incertezze e le criticità da affrontare. Sin da subito, con l’entrata in vigore del Codice nel 2016 gli effetti della riforma sugli investimenti disponibili, e di conseguenza sui lavori, si sono rivelati drastici, seppure con un parziale recupero nei due anni successivi. È quindi opportuno e condivisibile che il Governo avvii un percorso di revisione e il Parlamento apra alle consultazioni con gli operatori economici, ma alcune prime modifiche al Codice devono essere apportate in tempi più brevi di quelli necessari all’approvazione della legge delega e dei decreti attuativi. …”

Leggi tutto