Criterio del minor prezzo e discordanza nel ribasso tra valore assoluto e percentuale: cosa deve fare la Stazione Appaltante?

Di Redazione Lavori pubblici on line – www.lavoripubblici.it

“Come si deve comportare una Stazione Appaltante nel caso in cui un concorrente ad una gara presenti un’offerta nella quale viene indicato un prezzo complessivo diverso rispetto al ribasso in percentuale? A rispondere a questa domanda ci ha pensato il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana con la sentenza n. 978/2018 con la quale ha accolto il ricorso presentato per la riforma di una sentenza di primo grado da concorrente che aveva impugnato il provvedimento di aggiudicazione ad una gara, chiedendone l’annullamento, previa sospensione dell’efficacia. In particolare, alla gara, da aggiudicarsi con il criterio del prezzo più basso, l’attuale ricorrente presentava un’offerta commettendo l’errore di indicare un ribasso discordante tra valore assoluto e valore percentuale. La Commissione di gara, anziché tener conto che il prezzo più conveniente per l’Amministrazione era quello in valore assoluto, effettuava il calcolo sul ribasso in percentuale quantificando la cifra offerta con un importo maggiore e aggiudicando quindi la gara ad un altro concorrente. …”

Leggi tutto