Beni Culturali, Panebianco: trovare equilibrio tra tutela e approccio dinamico alla valorizzazione

Di Redazione AgCult – www. agcult.it

“Il segretario generale del MIBAC è intervenuto a Venezia alla conferenza “Cherishing Heritage” organizzata dalla Commissione europea in collaborazione con l’Icomos. L’Italia ha un patrimonio diffuso, ma di fronte a una ricchezza così “consistente” non ci possiamo “nascondere dietro al tema della fragilità”. Lo ha detto Giovanni Panbianco, segretario generale del ministero dei Beni culturali, intervenendo a Venezia alla conferenza “Cherishing Heritage” sulla qualità degli interventi sul patrimonio culturale, organizzata dalla Commissione europea in collaborazione con l’Icomos (International Council on Monuments and Sites). “La sfida costante – continua Panebianco – sta nel trovare il giusto equilibrio tra la salvaguardia e la conservazione da un lato, e approcci dinamici alla valorizzazione dall’altro”. Aumentare l’attrattività del patrimonio culturale. Panebianco ricorda alcuni “numeri impressionanti” legati al patrimonio culturale italiano (“Un comune su tre ospita almeno una struttura a carattere museale. Abbiamo 1.7 musei o istituzioni similari ogni 100 kmq, uno ogni 11mila abitanti”) e sottolinea un concetto chiaro: ‘Aumentare l’attrattività del patrimonio culturale assicurando tutela e gestione efficiente, dotare le strutture di strumenti innovativi e di qualità significa riuscire ad attivare maggior domanda culturale e innescare potenziali di sviluppo territoriale’. Il tutto ‘favorendo la nascita di una qualificazione nelle attività connesse non solo alla gestione del patrimonio, ma in generale alla valorizzazione, anche della rete tra pubblico e privato, tra imprese, università e centri di ricerca. Un tema su cui il ministro Bonisoli è molto attento’. …”

Leggi tutto