La mancata separata indicazione nell’offerta economica dei costi della manodopera determina un’irregolarità non sanabile mediante il soccorso istruttorio

Di Ernesto Papponetti – www.appaltiecontratti.it

“Per le gare indette all’indomani dell’entrata in vigore del DLgs n. 50/2016, come modificato dal DLgs n. 56/2017, la violazione dell’obbligo di indicazione nell’offerta economica dei costi della manodopera, sancito chiaramente dall’art. 95, comma 10, DLgs n. 50/2016 (a seguito delle modifiche apportate dall’art. 60, comma 1, lett. e), del DLgs n. 56/2017), determina conseguenze escludenti, restando ininfluente che gli atti di gara non dispongano espressamente al riguardo. Con la sentenza n. 1855 del 27/7/2018, qui in rassegna, la Sezione IV del TAR- Lombardia, Milano si è espressa sull’irrisolto contrasto giurisprudenziale inerente alle conseguenze (escludenti o meno) della mancata indicazione nell’offerta economica dei costi della manodopera, specie quando bando, disciplinare, capitolato e modelli dell’offerta non prescrivano alcun onere dichiarativo. …”

Leggi tutto