Codice dei contratti: é necessario un correttivo che coniughi semplificazione e stabilità

Di Paolo Oreto – www.lavoripubblici.it

“Mentre si stanno esaurendo i provvedimenti che erano già in dirittura d’arrivo con il precedente Governo (pubblicato, per ultimo il decreto sul dibattito pubblico) non possiamo non fare il punto sull’attuazione del Codice dei contratti ad oltre due anni dall’entrata in vigore e non possiamo non notare come, a differenza dal primo decreto correttivo di cui al DLgs 19/04/2017 n. 56 che era stato predisposto dal Governo ed approvato dallo stesso con lo strumento del DLgs già autorizzato con la L. 28/01/2016, n. 11 (cosiddetta “legge delega”), tutte le modifiche che sarà necessario introdurre dovranno transitare nel normale percorso di un disegno di legge predisposto dal Governo e sottoposto al parere parlamentare o attraverso il possibile percorso di un DL predisposto sempre dal Governo che entra subito in vigore e, quindi, di immediata efficacia ma che dovrà essere convertito in legge dal Parlamento entro 60 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale. Non essendo ipotizzabile che un DdL possa essere approvato dal Parlamento in tempi tecnici ragionevoli, è presumibile che il Governo opterà per un DL che dovrebbe essere predisposto dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. …”

Leggi tutto