Pagamenti delle PA: nuovi chiarimenti della Ragioneria Generale dello Stato

Di Redazione Diritto bancario – www.dirittobancario.it

“Con Circolare 21/03/2018, n. 13, la Ragioneria Generale dello Stato ha fornito chiarimenti aggiuntivi in ordine alla disciplina recata dall’articolo 48-bis del DPR 29/09/1973, n. 602, nonché dal relativo regolamento di attuazione, adottato con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze 18/01/2008, n. 40. I presenti chiarimenti seguono le modifiche normative introdotte dall’articolo 1, commi da 986 a 989, della L. 27/12/2017, n. 205 – sostanzialmente concernenti, da un lato, la riduzione, a decorrere dal 1° marzo 2018, da diecimila euro a cinquemila euro del limite di importo oltre il quale le amministrazioni pubbliche (e le società interamente partecipate dalle stesse) prima di effettuare, a qualunque titolo, un pagamento verificano se il beneficiario è inadempiente all’obbligo di versamento derivante dalla notifica di una o più cartelle di pagamento per un ammontare complessivo pari almeno a tale importo, e, dall’altro lato, l’estensione da trenta a sessanta giorni del periodo nel quale il soggetto pubblico non procede al pagamento delle somme dovute al beneficiario, risultato inadempiente, fino alla concorrenza dell’ammontare del debito comunicato dall’agente della riscossione – sia in ragione di fattispecie nuove o particolari emerse nel corso del tempo. …”

Leggi tutto